Login
Registrati
facebook
Google+

Ai bambini si deve insegnare a disobbedire

Intervista a Anna Carpena a cura di Gemma Ventura Farré

Fino dopo i vent’anni una persona non è completamente matura nell’empatia

 

L’empatia è un dono naturale o possiamo costruircela?

Abbiamo le strutture cerebrali per essere empatiche. Ora, che la sviluppiamo o meno, con più o meno intensità, dipende da cosa viviamo da piccoli. Ma siamo tutti nati con la possibilità di essere empatici.

 

A che età dici che un bambino può già manifestarla?

Fino a vent’anni una persona non è completamente matura nell’empatia. I lobi prefrontali del cervello, che è dove risiede il comportamento morale, non sono maturi fino all’età di vent’anni, e c’è persino qualcuno che dice fino ai venticinque. Nel frattempo, le competenze vengono acquisite. Puoi vedere alcuni bambini che, quando vedono qualcuno che piange, lo consolano. Ci sono anche studi che dimostrano che i bambini quando iniziano a camminare sono già predisposti per aiutare: se qualcuno non riesce ad aprire un armadio, il bambino lo aiuta. Non vale per tutti, ma per alcuni sì.

 

Ci sono livelli di empatia?

Sì. A livello cognitivo i bambini sanno dare un nome a ciò che un altro sente, ma è più difficile provare ciò che l’altro sente, che è la vera empatia: comprensione e sentimento.

 

Avviene a 7 o 8 anni?

Sì. Ma sarebbe empatia per il mio ambiente: i miei amici, la mia famiglia. Ma non per quelli che non fanno parte della mia cerchia. Avere empatia verso gli altri richiede maturità e non tutti ci arrivano.

 

Puoi avere 50 anni e l’empatia di un bambino di 7 anni?

Sì. In effetti, siamo antropologicamente preparati a difenderci dalle altre tribù: le prime sono le nostre, per le quali io conto e loro possono contare su di me per sopravvivere. Trascendere la stessa tribù è già un atto volontario. Oggi, l’intera dimensione delle comunicazioni offre la possibilità di sapere cosa succede dall’altra parte del mondo e fare qualcosa. Possiamo costruire un’empatia globale.

 

Ma può anche renderci immuni.

Esatto, perché se ogni scena nelle notizie deve risvegliare compassione e farci stare male, finiremmo in frantumi. Alla fine ci rende desensibilizzati.

 

Dici che possiamo modellare i comportamenti dei bambini. Ma con una persona di 50 anni crudele per abitudine, c’è qualcosa da fare?

Devono rendersi conto e volere. È la volontà che può avviare il cambiamento. È quando ti rendi conto della sofferenza dell’altro e vuoi fare qualcosa e non ritirarti. Non dici allora che “ho già abbastanza da fare con ciò che è mio, per aggiungere anche la preoccupazione per gli altri”, che succede quando uno si chiude e non avanza. Anche l’ambiente fa molto. Se anche l’ambiente di questa persona di 50 anni sarà dello stesso tipo, non sarà di aiuto per rompere questo schema e per dire che sono una persona empatica e compassionevole. Ma se il tuo ambiente è empatico, è più facile per te cedere.

 

Dici anche che una cosa è capire che un altro sta male dell’altro e un’altra sentirlo.

Sentirlo e far qualcosa se puoi. Ma accetti già questa necessità di attivarti, se necessario. Se non riesci a fare nulla e provi solo dolore, arrivi a un esaurimento empatico. Hoffman afferma che per le persone che sviluppano la propria attività in mezzo alla sofferenza, l’unica cosa che può trattenerle è sentirsi utili. Ad esempio, le ONG, da un lato, possono nutrire e vaccinare, ma dall’altro i bambini che sono appena stati vaccinati vengono uccisi o sopraffatti dalla guerra. Questo può rovinarti. Ma se ti senti utile, sai che stai sostenendo qualcuno, non c’è esaurimento empatico.

 

A volte, volendo aiutare l’altro, ti carichi il dolore dell’altro. L’empatia non è assorbire il dolore dell’altro, giusto?

L’empatia è poter condividere il dolore dell’altro senza assumerlo come proprio. Una persona emotivamente intelligente è in grado di regolarsi, di sapere come condividere il dolore dell’altro senza lasciarlo cadere. Se ti butti in piscina perché l’altro sta annegando e non sai come soccorrere, entrambi affogherete. Devi avere alcuni strumenti acquisiti per poter salvare quella persona.

 

E non credere alla dipendenza.

Certo, allora non c’è più empatia.

 

Ma è uno dei pericoli?

Sì.

 

Che puoi dire di più?

Una cosa è la dipendenza che l’altra persona potrebbe avere nei tuoi confronti, e l’altra, l’abuso: io uso questa persona perché serve a darmi sollievo o per salire su una scala sociale. Dal momento che so che è empatico e che vuole aiutarmi, lo uso. Quando non funziona per me, posso lasciarlo. Questi sono comportamenti di manipolazione delle persone e psicopatici.

 

Comprendere il funzionamento mentale dell’altro e allontanarsene?

Gli psicopatici non provano ciò che provano gli altri, quindi possono ferirli, perché non hanno la vera empatia: si capiscono, ma non provano l’emozione dell’altro, che è quello che potrebbe fermarli.

 

Parli dei manipolatori.

Le persone che manipolano sono molto intelligenti, sanno quali sono i punti deboli dell’altra e hanno la capacità di entrare nell’altra per manipolarle.

 

Sarebbero quelle che vengono chiamate persone tossiche?

Dobbiamo distinguere tra individui tossici e comportamenti tossici. Se etichettiamo una persona come tossica, questa etichetta non ti permetterà di essere più compassionevole con esso. Esistono comportamenti tossici che, se riesci a trattenerli o regolarli, sta bene, ma in caso contrario devi rimuoverli perché ti divorano. Ti ritiri dai comportamenti, non da una persona.

 

Se li etichettiamo, li condanniamo a continuare ad esserlo.

Sì.

 

Anche quelli che avrebbero potuto fare di peggio, dovresti dare la possibilità di essere diversamente?

Se riesci ad avere una relazione compassionevole con l’altro, gli dai la possibilità. In caso contrario, è già definito.

 

C’è un video di un processo di un uomo che ha ucciso 46 donne. I parenti gli dissero di tutto e non fece nemmeno una piega. Fino a quando il padre di una delle vittime gli ha detto di perdonarlo, allora ha pianto.

Si è creata una connessione che non c’era. Il senso di colpa è doloroso e gli umani sono pronti a fuggire dal dolore, e quindi per sfuggire alla colpa. E se riconoscere il senso di colpa deve farmi stare male, la colpa dell’altro è che l’ha cercato. Nel momento in cui l’altro viene perdonato, la corazza che ha indossato per difendersi dal sentirsi in colpa, si scioglie.

 

A volte l’ho sentito dire: “Come può quel bambino di sette anni essere così crudele!”

Possiamo farlo con qualcuno che ha vent’anni, ma con i bambini no. Comprendiamo che un bambino di sette anni non ha calcola radici quadrate, perché sappiamo che non gli tocca ancora, ma nelle abilità personali, come l’empatia, non diciamo che è a causa della sua maturità che non è pronto, ma che lo fa a proposito, che è un ribelle. Non dovremmo mai gettare la spugna. Da qui l’importanza che chi educa sia empatico, perché se sai come funziona il cervello di un bambino e sai in quale fase è, può accompagnarlo. Se lo etichetti, è difficile uscirne. Mentre, se critichi il suo comportamento ma non lo giudichi, gli insegni che non può ancora farlo, ma che confidi che possa poterlo fare, finirà per farlo.

 

Ho anche sentito maestri dire a un ragazzo di scuola primaria che è un bugiardo.

Non possiamo dirlo, altrimenti lo diventa. Con questa affermazione non solo convinciamo il bambino, ma gli confermiamo che chi lo dice ne è già convinto e, quindi, darà difficile un cambiamento.

 

Pol fa del bullismo su Miquel. Ciò che succede è che il maestro rimproveri e punisca Pol. Quale alternativa proporresti?

La responsabilità dell’insegnante è educare il bambino, non punirlo. E se pensi che punirlo lo aiuti, l’evidenza mostra già che non è vero: affondare un bambino non lo cambia. Siamo in una società punitiva: chi fa un errore paga per questo. La punizione è la risposta a comportamenti scorretti e questo è un errore. Le persone che fanno del bullismo devono essere aiutate. Si tratta di persone immature. I lobi prefrontali maturano fino ai 20 anni e ci sono momenti in cui i bambini si comportano male per errore. Ci sono bambini che sanno come nominare ciò che sentono gli altri, ma che non sanno come sentirlo. E si tratta di essere consapevoli delle emozioni e delle conseguenze che sorgono negli altri. L’insegnante deve sentirsi responsabile dell’educazione di questa creatura, deve accompagnarla per riparare le azioni illecite e aiutarlo a cambiare le sue emozioni, non facendola sentire in colpa, perché la colpa è dolore. Pertanto, è necessario eseguire un intero progetto specifico per aiutarla a essere empatica e avere la capacità di riparare le sue azioni. E chiedersi: perché lo fa?

 

Cosa c’è dietro?

Molti bambini fanno del bullismo per problemi di autostima. Per quanto tempo lo fanno? Perché lo fanno? Possiamo vederlo in classe, ci sono bambini che si perdono persino a causa del blocco emotivo che hanno: come potrebbe questa creatura, che in precedenza non faceva errori di ortografia, ora non può scrivere due parole di fila senza molti errori? Dobbiamo fermarci e vedere quali sono le cause e aiutarli. Non dimentichiamoci che stanno imparando a vivere.

 

Parla dei neuroni specchio. A volte li inviamo “fai questo” mentre predichiamo il contrario.

“Fai quello che ti dico, beh, non fare quello che faccio.” La mancanza di coerenza confonde molto i bambini, finiscono per disconnettersi da questi adulti, che dicono cose che in verità non sono reali.

 

Nei primi anni di vita costruiamo le basi di quella che sarà l’empatia se sei abbastanza fortunato da vivere in un contesto dove c’è amore. Ma a volte ci sono bambini che vivono circondati dall’odio. C’è speranza in questi casi?

Per loro sarà più difficile. I bambini che nei primi cinque anni vivono in un ambiente amorevole ed equilibrato, in cui non hanno stress emotivo, avranno più facilità. Per coloro che non crescono così, i tratti neurali sono diversi.

 

C’è una memoria emotiva?

Sì, ma a parte questo, ci sono strutture cerebrali che si formano in un modo o nell’altro. Sono creature che possono tendere all’ansia, all’irritabilità e persino alla depressione.

 

Questo è determinato da ciò che è vissuto fino a due anni?

Sì, ricordo un bambino di quattro anni che aveva iniziato la scuola da due anni e mi ha detto: “È che non voglio studiare. Ho visto gli altri andare avanti e che al tempo del gioco dovevano stare fermi perché non avevano finito il lavoro”.

 

Quale dovrebbe essere il lavoro di un maestro?

Non far compilare le schede. Incoraggiali e accompagnali a provare il piacere di imparare. Vediamo che non dovrebbe esserci lo stesso apprendimento tra un bambino e l’altro, perché potrebbero avere interessi diversi e devono essere rispettati. E fornire loro le giuste situazioni in modo che possano sviluppare questi interessi. Gli apprendimenti accademici sono molto importanti, ma quelli della vita sono ancora in coda.

 

Arrivano a scuola convinti che è importante prevalere, essere i migliori, anche se ciò implica isolarsi dagli altri. Cosa diresti che guadagna una persona empatica nel mezzo di questo scenario?

Lo psichiatra George Vaillant afferma che, fortunatamente, gli esseri umani hanno le aree cerebrali del piacere e dell’etica collegati. Persegui la bontà, goditi l’essere una brava persona e questo è un vantaggio per gli altri e per te, e ti dà la corda.

 

L’autostima ce la costruiamo o ce la fanno gli altri?

Torni da dove sei cresciuto: se hanno affondato o ti hanno fatto credere di essere il migliore, è altrettanto male. Se il tuo narcisismo è stato coltivato o sei stato guidato per percorsi che ti fanno riconoscere i tuoi atteggiamenti, i tuoi difetti, i tuoi successi, ma con la dignità di dire: prendo ciò che ho fatto di sbagliato senza abbattermi. Lo farò il più possibile e se non posso andare oltre, lo celebrerò anche perché l’ho provato.

 

L’autostima non dipende sempre dalla valutazione dell’altro, è positivo se l’altro dice che va bene?

Esattamente: ciò significa che a scuola devono essere promossi l’autonomia e lo spirito critico e che i bambini possono criticare gli insegnanti. Ma mettere in discussione il tuo lavoro crea insicurezza e può destabilizzare gli insegnanti, quindi c’è chi dice che le cose sono così. La capacità di ragionare, criticare e non dipendere dai giudizi degli altri, ma essere in grado di avere i propri. Guardiamo i capi politici e religiosi: emergono persone che non sono in grado di pensare con la loro testa ma pensano a se stessi. È pericoloso avere cittadini che non hanno capacità di critica.

 

E anche alla vita stessa, perché se non decidi per te stesso, stai seguendo un percorso che potrebbe non essere il tuo.

Sì, ma se sei cresciuto così, potresti sentirti a tuo agio. Ci sono molte persone che vivono in questo modo, che non sono in grado di alzarsi e disobbedire. Non può essere che ai bambini venga insegnato solo a obbedire, deve essere insegnato anche a disobbedire.

 

Perché se no, arrivi al punto in cui hai vent’anni ed hai una paura terribile a cambiare la tua carriera, per paura di deludere i tuoi famigliari.

O altre cose. Al momento di decidere, lascia decidere all’altro. O a volte non vedi cosa ti dicono cosa fare, ma hai modellato la tua esistenza in obbedienza, alla quale finisci per obbedire.

 

Quale è la causa?

Non aver goduto la soddisfazione di essere te stesso. Se hai sempre vissuto nel modo in cui ciò che ci si aspetta da te è che sei obbediente e non metti in discussione, ciò che hai soddisfatto è soddisfare le esigenze degli altri. Ti sto dicendo che sono felice di me stesso perché sono in grado di seguire il percorso che mi è segnato.

 

Non so se un giorno ti renderai conto di essere stato al servizio della vita che altri ti hanno costruito.

Ci sono persone che arrivano a un momento critico di insoddisfazione e quindi hanno bisogno di aiuto esterno, come una terapia, che ti fa capire come ti sei imbrogliato. Dobbiamo garantire che i bambini abbiano la capacità di dire: sono capace di essere me stesso, di accettarmi; Posso, in modo assertivo, e sebbene altri la pensino diversamente, posso esprimere la mia opinione. Questo ci dà la forza di attraversare il mondo. Invece, se ti difendi e dici: questo è quello che penso, e te lo imporrò, e quello che dici non vale nulla, è un modo per difenderti, sì, ma è anche un segno di pseudoautostima. Le persone autoritarie, che vengono considerati affermate e forti nella vita, sembrano avere un’alta autostima, ma è esattamente il contrario: sono state toccate, ecco perché devono imporsi.

 

Con la protezione eccessiva dei bambini, stiamo rovinando l’autostima?

I genitori cercano di soddisfare le esigenze dei propri figli anticipando i desideri. Soddisfano le loro possibili esigenze: prima che i bambini dicano “Voglio”, l’hanno già acquistato perché pensano che lo vorranno.

 

Sono produttori di narcisismo e tiranni?

E di esseri vulnerabili, perché non saranno in grado di attraversare la vita. Quando ci sono genitori che dicono ai bambini “quanto sei stato bravo, sei il migliore”, non stanno facendo nulla di buono.

 

È una droga, perché quando non ti dicono che sei il migliore, pensi di essere il peggiore.

Sì.

 

A volte ci sono persone che ti presentano un problema e dicono “questo non è nulla in confronto alla sventura che ho vissuto io”. Il dolore dovrebbe avere uno spazio perché esista?

Deve essere legittimato. I bambini hanno molto bisogno di riconoscere e legittimare le emozioni. Tra gli adulti, ciò che devi imparare è l’ascolto empatico, perché quando ascolti empaticamente non stai pensando al tuo dolore, senti l’altro. La comunicazione empatica significa che, anche per un breve periodo, puoi disconnetterti, perché se no ciò che l’altro ti dice, non lo senti, perché evoca il tuo dolore e dici questo “se sapessi cosa è successo a me, vedresti che questo non è niente! ”

 

Il mondo di oggi ci chiede di non arrenderci mai, di non gettare mai la spugna, di sorridere sempre …

L’obbligo di essere felici è stato imposto come una tirannia: se non sai come essere felice, non sei una persona degna.

 

Questa falsa positività provoca cosa?

In alcune persone, rifiuto e disaccordo Deriva dall’affermazione: “se vuoi, puoi”. Vediamo, in alcune cose sì, ma in altre no. Se mi butto dalla finestra per vedere se posso volare, già so che non posso. Ci sono persone che si pongono dei limiti da se stesse e che non vogliono andare oltre per paura: possono essere incoraggiate a provarlo. Ma lo slogan “se vuoi puoi” è un inganno. Ciò che dobbiamo avere sono strumenti per creare il nostro benessere.

 

Rifiuta, anche sì, non installandoci nel pessimismo o nella tristezza.

Sì.

 

Dici che l’educazione emotiva è saper riconoscere le emozioni in modo che siano a favore di noi. Quando possiamo sapere cosa stanno andando contro?

Le emozioni negative, che ci causano disagio, se hanno una presenza permanente nella nostra vita, sappiamo che ci fanno male. Fisicamente ci ammaliamo e indeboliamo le relazioni che abbiamo con gli altri. Questo è un sintomo: dobbiamo cambiare o dobbiamo chiedere aiuto.

 

Chiedere aiuto a volte costa molto, a volte non osi.

Per non disturbare …

 

Anche per orgoglio.

Accettare la nostra vulnerabilità ci predispone ad accettare quella degli altri. Se non accetti i tuoi limiti, sarai duro con gli altri. In ciascuno, la durezza e la vulnerabilità iniziano e finiscono in un posto diverso.

 

Perché ci costa così tanto guardare dentro?

Perché non ce l’hanno insegnato da bambini. Lavorare con i bambini è fantastico, perché si guardano dentro immediatamente, non hanno questa corazza con cui siamo cresciuti.

 

C’è una moderazione emotiva.

Sì, come se non mostrare un’emozione, sia il modo di smettere di provarla. Non la senti ma è lì, il tuo corpo lo sa, la tiene lì nascosta.

 

Le emozioni si manifestano nel corpo? Quando sono nervoso mi fa male la schiena.

Sì, quando non accettiamo le emozioni, le seppelliamo e prima o poi, in un modo o nell’altro, se ne escono. Il corpo sa che sono lì e finisce per farci ammalare.

 

Quali sono le caratteristiche di una buona relazione?

Deve essere soddisfacente per tutte le parti. Comprendere che esiste un equilibrio: che non esiste uno che sommette e uno che è sommesso. Ci sono persone che hanno una relazione soddisfacente perché si dicono sempre di sì l’una all’altra e, quindi, non sono più se stesse. Non dicono “Ho bisogno di questo”, chiedono “tu di cosa hai bisogno” e sembra che la relazione sia armonica perché non c’è mai un problema, ma in realtà è disarmonica. Una buona relazione include la possibilità di parlare e ascoltare e di avere strumenti per trovare la soluzione dei problemi in modo equo.

 

Varrebbe la pena educare all’umiltà?

E tanto, specialmente negli adulti. Il lavoro cooperativo sta andando molto bene nelle scuole, e una delle cose perchè funzioni è l’umiltà: non far prevalere la propria produzione, ma dimenticarla. Cosa si può dare al gruppo per sapere come ascoltare, guardare e, se necessario, rinunciare a ciò che è mio affinché il gruppo funzioni.

 

Lo scopo non sono io, ma il progetto.

Ciò richiede umiltà e generosità. Per quelli di noi che non sono stati educati, questo è più complicato, perché ci è stato insegnato a far prevalere l’individualità.

 

Il titolo di questa sezione della rivista è L’avventura della vita. Cosa pensi sia ciò che cerchiamo nella vita?

Sebbene non vogliamo riconoscerlo, c’è un bisogno fondamentale che tutti cerchiamo: l’amore. L’amore è ancora mal visto, come se fosse scivoloso.

 

Ma non potremmo vivere senza alcun collegamento.

Mi sembra che Eva Bach dica “siamo perché amiamo”. Persistiamo come specie per questa capacità. Siamo arrivati dove siamo grazie alla bontà. Quello che succede è che i media ci insegnano solo ciò che è negativo e abbiamo una visione del mondo negativo, ma ci sono molti più atti di gentilezza e amore che di malvagità.

 

Quale domanda ritieni valga la pena fare ogni giorno?

Tu che cosa diresti?

 

Se oggi ho fatto qualcosa che è valsa la pena.

Posso concentrarmi più sul domani che sull’oggi: quale progetto positivo ho per domani? Vale la pena sentirsi utili perché stiamo facendo cose per gli altri, ma senza dimenticare noi stessi.

 

Da Catorze Cultura viva n. 14 – 26 agosto 2019

 

Anna Carpena è insegnante e specialista in gestione delle emozioni. È stata la pioniera in Catalunya nell’introduzione dei programmi di educazione socioemozionale alla scuola.

print

Lascia un commento