Login
Registrati
facebook
Google+

Berlino: 2 – 6 luglio 2019

Progetto formativo. Educare nello zerosei: due realtà a confronto   Il sistema dei servizi di Berlino viene scelto come parametro di confronto e discussione perché è una delle realtà dove è più diffusa la tipologia dei servizi in continuità zero-sei con una varietà di tipologie molto articolata e suggestiva: servizi

Cowgate Under-5s Centre

Cowgate under 5’s Center è un ambiente in cui i bambini svolgono attività felici e contenti in un ambiente attentamente organizzato, circondato da pace e amore. La nostra preoccupazione principale è sempre il benessere, la felicità e lo sviluppo olistico di ogni singolo bambino nel Centro, fornendo il supporto necessario

L’educazione della prima infanzia in Svizzera e la Metodologia dei Genitori

Augusta Moletto, Riziero Zucchi

Gli autori delineano l’ambito all’interno del quale nasce e si sviluppa la Metodologia Pedagogia dei Genitori, analizzano le “Linee di indirizzo per la formazione, l’educazione e l’accoglienza della prima infanzia” per focalizzarsi sulla centralità della famiglia nel quadro d’orientamento per la formazione. In conclusione una sintetica presentazione della Metodologia Pedagogia dei Genitori attuata in alcuni progetti.


Questo contenuto è riservato agli utenti abbonati o iscritti con .
Log In Registrati

In Finlandia i bambini non imparano a leggere all’asilo. Eppure crescono bene ugualmente

Joseph Erbentraut, L’Huffington Post – 09/10/2015   Ci si aspetta che i bambini dell’asilo abbiano un alto tasso di alfabetizzazione. Questo non è il caso della Finlandia, dove i piccoli allievi della scuola materna passano il tempo a giocare eccellendo comunque nella lettura. In una ricerca pubblicata questa settimana da

Educazione e cura dell’infanzia in Finlandia

Clara Silva, Università di Firenze:

Il sistema welfare finlandese sostiene la genitorialità e l’occupazione femminile con numerosi tipi di benefits; uno su tutti, il cosiddetto “care-time”, letteralmente “tempo del prendersi cura”: fino al compimento dei tre anni di età del bambino, i genitori che ne abbiano necessità possono chiedere allo Stato un sussidio finanziario corrispondente a circa 300 euro al mese, cui possono aggiungersi ulteriori forme di sostegno economico da parte dei singoli comuni.