Login
Registrati
facebook
Google+

“Forza, saltiamo il recinto!”

Ludger Pesch

Il vero modo di scoprire è fuori dai “cancelli” dei servizi educativi. I bambini nel loro percorso verso l’autonomia acquisiscono una serie di abilità: sarebbe un errore non fare in modo che le possano mettere in gioco. È nel loro interesse che possano partecipare alla vita comunale, non come figure estranee o occasionali, bensì come concittadini partecipativi. L’apertura della scuola dell’infanzia all’ambiente circostante arreca benefici a chiunque: bambini, personale educativo, comunità e istituzioni.

La storia di Sandro e Sandra

Sandro e Sandra hanno 6 anni. Ogni mattina vanno alla scuola dell’infanzia dove sono accolti dal loro storico insegnante. Una mattina sorprendono il loro insegnante con una richiesta. Vogliono andare fuori per fare una passeggiata. L’educatore è un po’ contrariato. Piccoli gruppi di bambini ogni tanto escono dal servizio, ma

Spunti sul Lavoro Aperto

Premessa “Chi fa Lavoro Aperto non può essere del tutto chiuso ermeticamente”, recita uno dei motti che avevamo raccolto a Berlino nella primavera del 2001, nei giorni in cui è stata fondata la Rete Lavoro Aperto (NOA) di Berlino. Quindi non siamo del tutto chiusi ermeticamente? Decidendo di abbracciare progetti

RILA – Rete Italiana Lavoro Aperto

  In collaborazione con la rete NOA di Berlino L’open group è più di un concetto pedagogico: è una prospettiva di cambiamento a partire dalla quotidianità dei nidi e delle scuole dell’infanzia, dove i bambini sono i veri protagonisti.   Un percorso per avviare riflessioni ponendosi domande, nella logica di

Progettare il cambiamento tra teorie e pratiche

Laura Malavasi
Quando si incontra un contributo come l’articolo “Qualità del servizio scolastico e modelli organizzativi nella scuola dell’infanzia” si rimane sempre molto sorpresi. E’ quello che mi è successo personalmente e ancora di più scorrendo il nome e andando a vedere che lo scritto era a firma di un Ispettore Tecnico M.I.U.R, Mario Maviglia.

Qualità del servizio scolastico e modelli organizzativi nella scuola dell’infanzia

Mario Maviglia

Come nasce il modello organizzativo di una scuola? Quali fattori – espliciti e impliciti – intervengono e influenzano la sua elaborazione? Quale ruolo viene esercitato dalla professionalità dei docenti e dalla specifica storia delle singole realtà scolastiche?

Intorno a questi problemi si svilupperà il seguente contributo con il dichiarato obiettivo di individuare alcuni fondamentali elementi costitutivi del modello organizzativo e di mettere in luce non solo le implicazioni teoriche ma anche i risvolti operativi e organizzativi.


Questo contenuto è riservato agli utenti abbonati
Log In Registrati