Login
Registrati
facebook
Google+

Aquiloni privi di ali

Franco Frabboni

“L’infanzia sta tramontando come soggetto di diritto alla cittadinanza”. “L’infanzia potrà essere illuminata da un’alba radiosa a patto che disponga di una Famiglia e di una Scuola tre/sei garanti di un duplice inviolabile diritto”. Frabboni pone in diretta relazione il destino dell’infanzia a quello della scuola a lei dedicata.


Questo contenuto è riservato agli utenti abbonati o iscritti con .
Log In Registrati

Maria Arcà

Maria Arcà, biologa, ha svolto ricerche in Biologia Molecolare presso l’Università e al CNR di Roma.   Dagli anni ’70 si interessa di problemi cognitivi ed epistemologici dei bambini e degli adolescenti nella scuola di base, a questo scopo collabora con vari DipartimentiUniversitari di Scienze dell’Educazione a Roma, Milano, Torino

Dopo 50 anni, verso una Scuola aperta

Ferruccio Cremaschi

Il 18 marzo 1968, cinquant’anni fa, veniva approvata la legge 444 “Ordinamento della scuola materna statale”, presidente del Consiglio Aldo Moro, ministro dell’istruzione Luigi Gui, presidente della Repubblica Giuseppe Saragat.

Fu una conquista storica osteggiata da molte forze che ritenevano la scuola dello Stato un’indebita ingerenza nella sfera dei diritti della famiglia all’educazione dei figli. Si affiancava alle esperienze avviate in molte città italiane dalle amministrazioni comunali che in molti casi erano intervenute per fronteggiare il bisogno di assistenza delle famiglie e dei bambini con impegni anche massicci dal punto di vista numerico (pensiamo alle esperienze ormai scomparse di Napoli, Foggia, Messina, …) e avviando in molti casi esempi di innovazione e qualità che restano ancora oggi riferimento a chiunque si occupi d’infanzia in Italia e all’estero.

Incontro di riflessione nel decennale della scomparsa del Dottor Ferrarotti

Rinaldo Orsolani

In un’intervista di qualche tempo fa, Nicholas Negroponte, guru dell’informatica, dell’intelligenza artificiale e del machine learning, profetizzava per un futuro non lontano un mondo in cui “Non ci saranno differenze tra artificiale e naturale”, dove i due aspetti un tempo oppostisaranno indistinguibili” e dove “anche il latte potrà essere prodotto da una stampa 3D e non da una mucca”.

Nel decennale della scomparsa di Walter Ferrarotti, scenari come quelli disegnati da Negroponte ci ricordano quanto attuale sia ancor oggi il suo pensiero pedagogico.

FotoColloqui: una proposta metodologica in campo educativo

Manuela Cecotti

Il colloquio tra genitori e professionisti è un momento cruciale e delicato. Il contributo presenta una metodologia sperimentale di conduzione dei colloqui che utilizza la fotografia come “mediatrice di un processo di conoscenza” del bambino che avviene anche per il tramite degli adulti.


Questo contenuto è riservato agli utenti abbonati o iscritti con .
Log In Registrati