Login
Registrati
[aps-social id="1"]

L’educazione in tempi di pandemia. Uno sguardo femminista

Rosa Sensat Feminist Education Working Group. Genere e curriculum

Data: 20 maggio 2020

In quanto gruppo di lavoro sull’educazione femminista, genere e curriculum dell’Associazione Rosa Sensat, vogliamo presentare la nostra visione sulla situazione in cui viviamo. Siamo un gruppo di insegnanti e professoresse femministe di diverse generazioni, in diverse situazioni amministrative e con impegno professionale nelle varie fasi educative (infanzia, primaria e secondaria), che a partire dalla nostra esperienza e da riflessioni condivise esponiamo alcune domande, che ci sembrano fondamentali:

  1. Non vogliamo tornare alla normalità che la malattia ha interrotto. Le scuole, gli istituti, i servizi per l’infanzia e gli spazi educativi sono attraversati dalle disparità strutturali e sistemiche della società capitalista ed eteropatriarcale, e a loro volta sono anche spazi in cui si verificano e si riproducono, a vari livelli, violenza e discriminazione. Lo scoppio della pandemia e lo stato di emergenza sanitaria, come nella favola del vestito nuovo dell’Imperatore, hanno reso evidente la realtà che il sistema stava cercando di nascondere sulla base di programmi di innovazione e di risultati del rapporto di Pisa. È chiaro che gli strumenti del padrone non smantellano mai la casa del padrone.
  2. L’ecofemminismo da lungo tempo denuncia la crisi del sistema di cura. Senza la cura delle persone e la cura degli ecosistemi, la vita degrada fino a comprometterne la vitalità. Sappiamo di essere biologicamente eco-dipendenti e socialmente interdipendenti, ma il neoliberismo impone la sua ragione a spese della nostra vita e nell’istruzione non c’è stata una consapevolezza diffusa di questo problema vitale. Forse è arrivato il momento. Dall’economia femminista è stato evidenziato come tutto il lavoro che consente il sostentamento della vita nelle società sia sviluppato principalmente dalle donne, ovviamente a causa delle disuguaglianze strutturali nella corresponsabilità all’interno delle famiglie, gratuitamente, senza considerazione del lavoro, senza il riconoscimento del loro bisogno vitale. E, nei casi in cui il lavoro di cura entra nel mercato, sono le donne migranti e discriminate razzialmente che, in condizioni di assoluta precarietà o vicine alla schiavitù, assumono questo lavoro. Le pedagogie femministe raccolgono questa conoscenza e la incorporano in pratiche pedagogiche finalizzate all’educazione emancipatoria.
  3. La pratica dell’insegnamento è una pratica politica, implicitamente o esplicitamente. L’istruzione non è neutrale; l’organizzazione, il curriculum, l’operazione amministrativa, i rapporti che si instaurano tra insegnanti e studenti, tra centri e famiglie, i rapporti con l’ambiente e con altri professionisti, obbediscono a una concezione ideologica della società e della cittadinanza, che affrontano modelli perfettamente differenziati, la scuola riproduttiva e la scuola trasformatrice. Le insegnanti femministe problematizzano tutte queste problematiche e le analizzano criticamente.

Senza la cura delle persone e la cura degli ecosistemi, la vita degrada fino a comprometterne la vitalità.

Tutti a casa hanno la stessa disponibilità e/o la stessa formazione/motivazione riguardo ai cosiddetti “compiti”? Cosa stiamo trasmettendo agli studenti con il lavoro che devono svolgere a casa al di fuori delle loro ore di studio? Stiamo preparando gli studenti a diventare futuri lavoratori che fanno gli straordinari senza controllo? Quale ruolo dovrebbero svolgere le famiglie nell’educazione delle figlie e dei figli? In che misura dovremmo concentrarci su ciò che dobbiamo fare a casa? I “compiti” aumentano le disuguaglianze. Ora tutto ciò ci viene presentato in modo più energico ed è urgente discuterne.

La scuola online a distanza funziona? Nelle aule virtuali, si tratta di riprodurre tutto ciò che facciamo in classe attraverso uno schermo? L’educazione della prima infanzia è sufficientemente visibile come una fase importante dell’educazione? È possibile fare educazione online alla prima infanzia oltre la videoconferenza per parlare un po’ insieme o qualche video che racconta storie? Quanto lontano va l’idea di produzione nell’ambiente scolastico? Cosa significa recuperare il terzo trimestre dell’anno in corso? In che modo la scuola può aiutare le famiglie che non hanno una buona connessione a Internet?

O quelli che hanno un solo dispositivo digitale per tutti e cinque i membri della famiglia? La realtà è che abbiamo un’alta percentuale di bambine, bambini, ragazzi e ragazze che non possiamo nemmeno raggiungere. Il confinamento ha aggravato le condizioni di vita di molte famiglie. Abbiamo bisogno di una società che si preoccupi delle persone vulnerabili e si allontani dalla logica aziendale, che si fondi non sul paternalismo e sulla carità, ma sulla legittima rivendicazione dei diritti e delle libertà.

Il diritto all’istruzione può essere garantito solo da una scuola inclusiva, di qualità, pubblica, secolare e femminista.

Il diritto all’istruzione può essere garantito solo da una scuola inclusiva, di qualità, pubblica, secolare e femminista. Per tutto questo, raccogliamo la testimonianza delle scuole e degli insegnanti della Repubblica e di tutte le esperienze di coeducazione che costituiscono la nostra genealogia, per formare un’epistemologia femminista. La produzione di conoscenza non può essere regolata dalle leggi del mercato. Vogliamo un’educazione alla giustizia sociale, al pensiero critico. Il nostro radicalismo femminista ci conduce a un nuovo ordine sociale senza oppressione o privilegio, senza violenza, senza mascolinità o omofobia, senza razzismo o selezion, un ordine in cui la scuola è pensata e organizzata trasversalmente, con un carattere comunitario e mettendo la vita al centro.

Sappiamo da dove veniamo e vogliamo andare lontano. Vogliamo sentimenti, conoscenza e azioni per formare un atteggiamento premuroso nelle relazioni interpersonali, verso la persona stessa, verso le persone che ci circondano, verso gli animali e le piante, verso l’ambiente (l’aria, l’acqua, gli ecosistemi). Per farlo, dobbiamo metterci da un altro punto di vista, dobbiamo pensare da un altro immaginario, senza privilegi, senza relazioni di potere.

Il ritorno in classe, che non sappiamo ancora quando o come sarà, deve privilegiare il benessere di tutte le persone che compongono la scuola. Dobbiamo dare la priorità alla sfera socio-emotiva rispetto alle discipline accademiche e alle prestazioni scolastiche, al di fuori di una produttività mercantilista che ci allontana da noi stessi, dai nostri bisogni e dalle conoscenze che abbiamo accumulato durante la nostra vita. Dobbiamo essere in grado di parlare molto di tutto questo periodo, dobbiamo essere in grado di raccontare le nostre esperienze, dobbiamo essere in grado di accompagnarci il più possibile in questa situazione di eccezionalità, dalla diversità delle identità e delle situazioni.

Come insegnanti femministe, vediamo come un’opportunità per tutti di essere in grado di imparare dalla propria esperienza di vita, come abbiamo sempre sostenuto. Dobbiamo generalizzare un atteggiamento riflessivo in tutta la comunità educativa (che, oltre a insegnanti, studenti e famiglie, è anche composta da bidelli e cuoche, attività extracurriculari, personale di portineria, amministrazione e pulizia ) contestualmente e con una prospettiva intersezionale. Questa crisi della civiltà deve consentirci di costruire una comunità collaborativa unica e organizzarci in base alle nostre esigenze.

Sappiamo che non sarà facile. Il sistema ingoia i dissidenti e li restituisce con il formato del prodotto di mercato.

Sappiamo che non sarà facile. Il sistema ingoia i dissidenti e li restituisce trasformati in prodotto di mercato. Ma come soggetti di legge e di azione, vogliamo mettere in parole tutto ciò che il confinamento ha messo a tacere e ascoltare le voci di tutte le persone. Vogliamo imparare a vivere meglio con meno, rispetto alle condizioni materiali dell’esistenza, e porre la cura al centro. Vogliamo provocare conoscenza sovversiva, cioè sovvertire il sistema attuale. Dobbiamo essere in grado di condividere il desiderio di un futuro diverso mentre celebriamo la nostra diversità. Pensiamo che sia arrivato il momento.

Un commento su “L’educazione in tempi di pandemia. Uno sguardo femminista”

  1. -dobbiamo vivere meglio con meno- mai come ora questo pensiero è di fondamentale importanza.

    Non abbiamo bisogno di tanti elettrodomestici in casa, o di mille altre cose inutili, o che i bambini frequentino tanti corsi dopo la scuola, poiché sono solo bisogni indotti, nella vita prevale il bisogno di affetto e cura di ci sta intorno e di tutti noi.

    Rispondi

Lascia un commento