Login
Registrati
facebook
Google+

L’individuo non vive secondo ciò che sarà, ma secondo ciò che è

Intervista a Arianna Saulini a cura di Enrica Fontani

Supportare il bambino ad apprendere, conoscere, socializzare, a rafforzarsi emotivamente fa parte del ruolo che ogni professionista dell’educazione ha per contrastare la povertà educativa.

“L’individuo non vive secondo ciò che sarà, ma secondo ciò che è”.
Questo principio, dal quale prende l’avvio il pensiero e l’attività di Korczak, mette in luce la drammaticità delle condizioni di molti bambini di oggi.


Questo contenuto è riservato agli utenti abbonati
Log In Registrati