Login
Registrati
facebook
Google+

Più servizi per l’infanzia, più uguaglianza

Se siamo preoccupati per i bassi tassi di natalità, prendiamoci cura dei servizi per l’infanzia

Elena Costas,  Economista, opinionista di “Politikon”

Nelle prossime settimane oltre 4.000 bambini inizieranno la loro istruzione in uno dei 101 nidi pubblici di Barcellona. Questa è la buona notizia La cattiva notizia è che quasi la metà delle famiglie che voleva educare i propri figli in uno di questi servizi non potrà farlo.

Dato che i bassi tassi di natalità sono uno dei problemi principali che affrontiamo, non riconoscere l’educazione dei bambini come un diritto fondamentale non riguarda solo le famiglie con bambini, ma anche una condanna per le generazioni a venire.

Pochi investimenti hanno un ritorno sociale importante quanto il primo ciclo di educazione dell’infanzia

Se siamo preoccupati per i bassi tassi di natalità, prendiamoci cura delle scuole dell’infanzia. Pochi investimenti hanno un ritorno sociale importante quanto il primo ciclo di educazione dell’infanzia. Tra 0 e 3 anni è il periodo in cui possiamo fare di più per stimolare i bambini e quindi ridurre possibili disuguaglianze future. Pertanto, la spesa per l’educazione dell’infanzia è uno degli investimenti più progressisti che possiamo fare. L’Organizzazione mondiale della sanità sottolinea che le azioni in questa fase hanno un grande impatto sullo sviluppo del cervello e incidono sulla salute, sul comportamento, sul reddito e sulle relazioni sociali future. Quei ragazzi che frequentano il nido avranno migliori risultati accademici e maggiori opportunità di sviluppo personale e professionale da adulti, indipendentemente dal reddito dei loro genitori. È il modo migliore per interrompere il ciclo di disuguaglianza e povertà ereditato di generazione in generazione.

Pertanto, garantire l’universalità e la gratuità dell’educazione della prima infanzia è un obiettivo che tutte le amministrazioni – sia i consigli di città, sia i governi centrali e regionali – dovrebbero dare la priorità.

Chi paga l’educazione di questi bambini? Dal 2012, a seguito della crisi economica, i contributi per gli asili nido della Generalitat sono diminuii di un terzo, quindi tutti i finanziamenti sono stati trasferiti ai consigli provinciali. Questo conflitto sta danneggiando sia l’offerta di posti sia la capacità di pianificazione delle stesse scuole. È un debito in sospeso a cui il governo della Generalitat deve porre una soluzione.

Dobbiamo vedere i Nidi come un bene pubblico, come la viabilità e l’illuminazione stradale. Per uso universale e gratuito. E, quindi, finanziato con le tasse. Nel caso dell’istruzione 0-3 ci sono molti consigli comunali catalani che hanno iniziato ad applicare le rette al nido in base al reddito familiare. Ad esempio, a Barcellona, da una tariffa unica di € 289 al mese, con esenzione per le famiglie a basso reddito, si è passati a un sistema di 10 fasce, da € 50 a € 395. Bisogna tenere conto, tuttavia, che questo sistema non è perfetto, in quanto si fa pagare le famiglie con redditi medi e alti il prezzo che pagherebbero nei servizi privati, che offrono loro maggiore flessibilità e strutture per conciliare lavoro e vita familiare. Oltre al prezzo, l’offerta di posti è molto limitata.

Pertanto, l’educazione della prima infanzia, nonostante abbia indubbi benefici sociali, è ancora lontana dall’essere un bene pubblico. Nel nostro ambiente, sono già in corso esperienze che cercano di cambiare questa realtà. Ad esempio, il governo di La Rioja offrirà un bonus gratuito per l’istruzione da 0 a 3 anni a tutti coloro che sono registrati nella comunità autonoma.
Ci sono molte domande nascoste dietro l’educazione dell’infanzia: quanto dovrebbero essere pagati coloro che si prendono cura dei nostri figli, qual è la responsabilità delle famiglie o quale livello di governo dovrebbe essere responsabile del loro finanziamento. Sono discussioni difficili perché spesso hanno un’importante componente ideologica. Ma i benefici di questa educazione non sono solo per i bambini, che avranno un migliore sviluppo sociale, intellettuale ed emotivo, o per le famiglie, che possono meglio conciliare e distribuire in modo più uniforme i compiti dei genitori. Garantire un’educazione dei bambini universale e gratuita è un vantaggio per tutti noi, sia per le generazioni presenti che per quelle future. Potrebbe migliorare i tassi di natalità e avere una società più egualitaria e un’economia più vivace. Smettere di perdere questi benefici è un costo che non possiamo permetterci.

print

Lascia un commento