Login
Registrati
facebook
Google+

Una partenza forte

 18,00

 

 

 

1969: i primi asili nido comunali in Emilia-Romagna

A cura di Lorenzo Campioni e Franca Marchesi

Nel 1969, due anni prima della legge 6 dicembre 1971, n. 1044, che istituisce gli asili nido, decollano i primi asili nido comunali in Italia ad opera di alcune Amministrazioni dell’Emilia-Romagna. Nell’auspicio che siano messe in campo iniziative (convegni, seminari, articoli, pubblicazioni…) per ricordare l’importanza di quella scelta da parte di Amministratori coraggiosi, avveduti e sostenuti dalle loro Comunità, con la nostra ricerca vogliamo iscriverci nel novero di questi avvenimenti, dando solidità documentativa alla narrazione dell’avvio di questi servizi, ora educativi.

 

 

 

ISBN: 978-88-99338-76-3

Numero di pagine: 232

Allegati:

Richiesta copie saggio

Informazioni su come acquistare con Carta del Docente

print

Descrizione

1969: i primi asili nido comunali in Emilia-Romagna

 

Nel 1969, due anni prima della legge 6 dicembre 1971, n. 1044, che istituisce gli asili nido, decollano i primi asili nido comunali in Italia ad opera di alcune Amministrazioni dell’Emilia-Romagna. Nell’auspicio che siano messe in campo iniziative (convegni, seminari, articoli, pubblicazioni…) per ricordare l’importanza di quella scelta da parte di Amministratori coraggiosi, avveduti e sostenuti dalle loro Comunità, con la nostra ricerca vogliamo iscriverci nel novero di questi avvenimenti, dando solidità documentativa alla narrazione dell’avvio di questi servizi, ora educativi.

Amministratori, personale dei primi nidi, architetti, ingegneri … si sono dovuti inventare tutto: dalla tipologia edilizia, dagli arredi … alla pratiche di cura non solo igienico-sanitarie, alle prime pratiche educative, alla collaborazione con le famiglie, con l’associazionismo locale e le rappresentanze politiche. Tratto comune a tutte queste esperienze era prendere le distanze dall’Onmi, dal modello assistenziale allora vigente. L’ingresso della donna nel mondo del lavoro richiedeva servizi rivolti alle situazioni normali di vita e non solo a dare risposta a disfunzionalità familiari, a precarie condizioni sociali, a mamme sole …

Diversamente dalla scuola dell’infanzia comunale, che aveva una lunga storia pedagogica alle spalle, i primi asili nido comunali sono frutto di creatività radicale. Il loro decollo si spiega grazie all’investimento ideale, non solo finanziario, di amministratori sensibili ai nuovi bisogni, alla mobilitazione di tante sigle associative e all’interesse delle comunità locali. Le forti pressioni, a livello anche nazionale, delle organizzazioni sindacali (CGIL, CISL, UIL) e dei movimenti femminili (UDI, CIF) sul Centro hanno ‘costretto’ il legislatore a procedere all’istituzione degli asili nido comunali.

L’intento della presente pubblicazione – opera collettiva di professionisti che si sono interessati di infanzia in diversi ruoli educativi – è di restituire alle nuove generazioni di educatrici/insegnanti, dirigenti, tecnici e amministratori tracce di quel periodo istituente, fortemente interessato alla creazione di una società più equa, iniziando dai bisogni delle famiglie e dall’attuazione dei diritti dell’infanzia, in particolare quello alla cura e all’educazione.

I primi nidi comunali ci riconsegnano una visione alta di un’operazione comunitaria partita dal basso, di un rinnovamento nel settore dell’educazione infantile, che anticipa l’istituzione statale e, successivamente, gli indirizzi della Commissione europea e i rapporti dell’OCSE che individuano nei servizi educativi e nelle scuole dell’infanzia di qualità, luoghi privilegiati per sviluppare al massimo le potenzialità di ogni bambino, per collaborare a ridurre la povertà e a prevenire gli abbandoni scolastici.

I nidi in questi cinquant’anni si sono trasformati profondamente diventando servizi a prevalente valenza educativa. Ora, grazie all’attuazione del decreto legislativo 65/2017, ci auguriamo che possano continuare nell’innovazione e nella qualificazione della loro offerta formativa per il benessere di ogni bambino e degli adulti coinvolti, a vario titolo, nella cura e nell’educazione delle nuove generazioni.

print

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Una partenza forte”

print