Login
Registrati
facebook
Google+


Zeroseiup on-line 2/2017

EDITORIALE

Costruire cornici di senso, inquadrare questioni

Cosa ci guadagna un bambino a frequentare il nido, la scuola dell’infanzia e poi la scuola primaria e via andando?

E cosa ci guadagna a frequentare luoghi educativi aperti, flessibili , disponibili al cambiamento in cui le strutture organizzative e temporali possono essere morbide e fluide?

 

...continua a leggere

06UP ONLINE N.2, 2017

PROFESSIONALITA’

Il mestiere di maestro nella scuola dell’infanzia

Diana Penso

Il percorso dal concetto di insegnante di scuola dell’infanzia “mamma” a quello di docente professionista è una vera e propria elaborazione culturale individuale e di gruppo. L’autrice lo ripercorre nelle diverse fasi di sviluppo, dall’800 ad oggi.

Continua a leggere...

Scuola dell’infanzia, un’identità difficile tra assimilazione e differenziazione. Il RAV e il RAV Infanzia a confronto.

Enrica Fontani

Gli strumenti per l’autovalutazione della scuola sono la sintesi di numerose scelte compiute a monte del processo auto valutativo. Dal confronto tra il RAV e il RAV Infanzia viene alla luce la concezione di scuola sottostante e l’idea di bambino (nonché quella del “buon insegnante”). Emergono, altresì, questioni tuttora aperte e irrisolte, la più insidiosa delle quali riguarda l’uso, le finalità e, di conseguenza, le metodologie, della valutazione degli apprendimenti degli allievi di scuola dell’infanzia.

Continua a leggere...

L’intenzionalità delle parole

Paola Toni

L’analisi di esempi concreti di testi utilizzati dai Servizi per l’infanzia per comunicare con le famiglie, uno per tutti la Carta dei Servizi, richiama la necessità di riflettere sul significato delle parole, sull’opportunità di condividerlo, e sull’esigenza di consapevolezza rispetto ai diversi, e non sempre voluti, effetti che le parole producono.

Continua a leggere...

 

STRUMENTI

Promuovere e rilevare la prospettiva 0-6: l’elaborazione di uno strumento

Il contributo di Barbara Gobbetto illustra le metodologie e i criteri seguiti per l’elaborazione di uno strumento di valutazione del contesto educativo. Lo scopo principale dello strumento è la rilevazione e la promozione di una prospettiva educativa dagli 0 ai 6 anni, attraverso l’approccio valutativo del “valutare-riflettere-restituire” e la negoziazione tra le opinioni dei soggetti coinvolti nella valutazione.


Questo contenuto è riservato agli utenti abbonati o iscritti con .
Log In Registrati
Continua a leggere...

 

ABBONAMENTI

Non sei ancora abbonato???

Clicca QUI

L’INTERVISTA

Da dove veniamo?

a cura di Ferruccio Cremaschi

 

Sergio Cremaschi, nel presentare il suo libro “Tradizioni morali. Greci, ebrei, cristiani, islamici” descrive l’ intreccio che si ritrova nella storia dell’ethos, rappresentato non in una crescita progressiva ma in un mai concluso movimento circolare. Per recuperare un’immagine meno falsata della “nostra” tradizione l’autore suggerisce, anziché l’educazione religiosa, l’insegnamento dell’etica, all’interno della quale far conoscere più religioni senza censurare tradizioni e comunità particolari.

Continua a leggere...

 

DAL MONDO/INTERNAZIONALE

La democrazia educativa in Danimarca

Enea Nottoli

L’ Early Childhood Education and Care in Danimarca è garantito, all’interno di un welfare state efficente e sulle basi della democrazia, della tolleranza e dell’attenzione all’individuo.

Continua a leggere...

 

POLITICA

Delega per l’infanzia: la sfida si gioca nei territori

Michela Almiento

La creazione di un sistema integrato di educazione e istruzione 0 – 6 anni, oggetto della delega al governo in base alla Legge 107/2015, è una sfida urgente per garantire il diritto dei bambini, dagli 0 ai 6 anni, all’educazione e all’istruzione. La mancanza di risorse e di una programmazione a lungo termine mina il mantenimento dei servizi esistenti e il riconoscimento della professionalità necessaria.


Questo contenuto è riservato agli utenti abbonati o iscritti con .
Log In Registrati
Continua a leggere...

Verso il sistema 0-6. E se fossero i bambini a chiedere a tutti un cambio di rotta?

Moira Sannipoli

La costruzione di un segmento 0-6 in Italia può essere l’occasione per ripensare insieme l’educazione dei bambini e delle bambine, nei suoi termini essenziali e qualificanti.

Continua a leggere...

 

 

CULTURA

Lo specchio magico

Nel passaggio dal paradigma dell’intensità e della fatica al paradigma della leggerezza e dell’estensione non si può prescindere dall’interesse e dalla comprensione degli allievi, intercettata con il contatto e il dialogo, mantenuta viva con esperienze e storie che avvicinano, in una comune ricerca di senso.

Ornella Martini


Questo contenuto è riservato agli utenti abbonati o iscritti con .
Log In Registrati
Continua a leggere...

I corpi e il sacro: i riti educativi

Raffaele Mantegazza prosegue la ricerca delle similitudini tra le pratiche educative e la sacralità, accomunate dal non fare a meno del corpo, meglio ancora, dall’essere incarnate.


Questo contenuto è riservato agli utenti abbonati o iscritti con .
Log In Registrati
Continua a leggere...

 

EDUCAZIONE TERRA NATURA

Educazione, terra, natura - Storie

Alla Conferenza Internazionale Educazione, Terra, Natura che si è tenuta dall‘1 al 3 Dicembre 2016 a Bressanone, è nato uno spazio dedicato alle esperienze.

Si chiama Storie ed è dedicato ai nidi, alle scuole dell’infanzia, alle scuole primarie, ai territori che desiderano raccontare una propria esperienza di relazione e di incontro con la natura e la terra. È un luogo virtuale che può offrire uno spazio di visibilità e di conoscenza a chi desidera confrontarsi e condividere una Storia fatta di incontri, relazioni, gesti vissuti. Rappresenta una piccola occasione per mettere in rete realtà, grandi e piccole, che stanno sperimentando approcci e strategie di incontro e di educazione tra terra, natura e apprendimenti.

La prima "Storia" che presentiamo è "La natura è meglio viverla che raccontarla" a cura del Progetto Pedagogico dei Servizi 0/6 dell’Unione Terre d’Argine

La trovate alla pagina http://zeroseiup.eu/etn-storie/

 

 

NOVITA’

Battista Quinto Borghi, Franco Frabboni

Loris Malaguzzi e la scuola a nuovo indirizzo

ISBN: 978-88-99338-27-5
Pagine: 72
Euro 9,60

Maggiori info QUI

 

 

 

ZEROSEIUP online - registrazione Tribunale di Bergamo n. 16 03/06/2015 - ISSN 2499-8915

Direttore responsabile: Ferruccio Cremaschi