Login
Registrati
[aps-social id="1"]

Professionalità e approccio inclusivo nei servizi all’infanzia: uno sguardo al ruolo delle/gli “assistenti” in Europa

Nima Sharmahd

La ricerca, condotta da Sharmahd, Peters e Budginaitè, indaga sul ruolo assegnato agli assistenti nei servizi educativi europei. Emerge come un approccio inclusivo dei servizi all’infanzia richieda una riflessione sui significati impliciti, rispetto alla cura e all’educazione, che porta con sé il ruolo degli assistenti (in Italia gli operatori/operatrici ausiliari). Si sottolinea inoltre come nel nostro paese vi sia una certa attenzione a quest’aspetto ma altrettanto non si possa dire in quanto all’accessibilità ai servizi da parte di tutte le famiglie presenti nel territorio.


Questo contenuto è riservato agli utenti abbonati o iscritti con .
Log In Registrati

A cinquant’anni dalla legge 144

Franca Pinto Minerva

Si prosegue nelle riflessioni del precedente numero della rivista con Pinto Minerva che ripercorre le tappe culturali e legislative dedicate all’infanzia. Dalle rappresentazioni astratte e retoriche dell’infanzia, alla Legge 144/68 che permette allo stato di occuparsi dell’educazione dei più piccoli, agli Orientamenti del ’91 che propongono un’impostazione epistemologica tuttora attuale.


Questo contenuto è riservato agli utenti abbonati o iscritti con .
Log In Registrati

È l’anno della ristorazione scolastica

Giovanni Faedi

La ristorazione scolastica è un tema nel quale si intrecciano scelte politiche, economiche, religiose ... ma soprattutto l’educazione alimentare e la salute dei bambini. L’autore traccia un quadro dell’attuale situazione e mette in luce alcuni tra i temi che costituiscono oggetto di riflessione: l’introduzione del cibo biologico e la riduzione degli sprechi.


Questo contenuto è riservato agli utenti abbonati o iscritti con .
Log In Registrati

Educare, documentare e comunicare in prospettiva Digital Storytelling

Marina De Rossi, Emilia Restiglian

La narrazione è uno strumento metodologico trasversale ai processi di apprendimento e strumento di mediazione per favorire l’interesse, il coinvolgimento, lo scambio e la produzione di conoscenza. Lo storytelling, in particolare il Digital storytelling, consiste nell’usare media digitali per creare storie arricchite (da immagini, voce, musica...) ed il suo utilizzo nella documentazione educativa costituisce una potenzialità per la comunità professionale.


Questo contenuto è riservato agli utenti abbonati o iscritti con .
Log In Registrati

Per narrare le infanzie

Marco Veglia

L’autore racconta della fascinazione condivisa che si determina quando un adulto legge una storia ad un bambino. Afferma che leggere è imparare ad ascoltare e ad ascoltarsi, a leggere e leggersi, attraverso la differenza dell’altro, attraverso la narrazione si realizza una corrispondenza tra scoprire e lasciarsi scoprire, configurare e configurarsi.

Costruire una Cittadinanza attiva a partire dalle bambine e dai bambini tra 0 e 6 anni

Elena Mignosi

La cittadinanza attiva nasce in una cornice democratica e partecipativa. I servizi educativi sono la prima palestra di esperienze significative con i pari e di esercizio di diritti e di democrazia diretta.

Come si costruisce in una cornice democratica e partecipativa la cittadinanza attiva fin dalla primissima infanzia? Che ruolo hanno i servizi educativi e gli adulti in questo processo?

Proveremo a rispondere a queste domande nella convinzione che un cambiamento sociale e culturale sia possibile solo a partire da una nuova attenzione ai bambini nei primi sei anni di vita e dalla diffusione di una cultura dell’infanzia e per l’infanzia.