Login
Registrati
facebook
Google+

I materiali

 18,00

La creta, il colore, il legno nel nido, nella scuola dell’infanzia ed elementare, in casa

Francesco Tonucci

ISBN: 978-88-99338-20-6

Numero di pagine: 132

Allegati:

Informazioni su come acquistare con Carta del Docente

print

Descrizione

Questo libro nasce nella biblioteca del Movimento di Cooperazione Educativa come coerente sviluppo delle “tecniche didattiche” proposte da Celestin Freinet e applicate in Italia dal MCE. Propone l’uso di materiali naturali come la creta, il colore e il legno nel nido, nella scuola dell’infanzia e primaria per favorire lo sviluppo delle capacità espressive delle bambine e dei bambini, allargando l’offerta tradizionale della scuola spesso ancora limitata ai linguaggi dello scrivere e far di conto, così come afferma la Convenzione dei diritti dell’Infanzia riconoscendo nell’art. 13 il diritto dei bambini alla libertà di espressione.

Una proposta semplice di materiali economici ma particolarmente ricchi di potenzialità espressive.
Un libro che può uscire dalla scuola per entrare nelle famiglie suggerendo esperienze manuali oggi particolarmente necessarie a bambine e bambini spesso immobilizzati davanti allo schermo o ipnotizzati dai cellulari.

…Questo libro è dedicato alle mani, all’importanza del loro uso. Per questo è dedicato a mio padre, che, che mi ha insegnato a lavorare con le mani, a costruirmi i miei giocattoli tagliando la carta, modellando la creta, utilizzando le canne. Questa dedica vuol essere un augurio per tutti noi che siamo padri, madri, nonni o maestri: che un giorno i nostri figli, alunni o nipoti possano dirci: “Grazie per averci insegnato a lavorare con le mani”.

Ma oggi, ripubblicandolo, non posso non aggiungere una dedica al grande amico e maestro Loris Malaguzzi. Tutte le foto che illustrano questo libro vengono dalle sue scuole dell’infanzia di Reggio Emilia, che ho visto nascere e crescere negli anni settanta. Con Loris ho passato serate indimenticabili ad ascoltare i suoi racconti (era un narratore formidabile) e a discutere sull’importanza e sugli sviluppi delle scuole da zero a sei anni. A progettare nuove proposte o nuove battaglie per difendere i traguardi raggiunti, sempre in pericolo di nuove retrocessioni. Non eravamo d’accordo su tutto, ma le sue intuizioni, il suo coraggio, la sua creatività istituzionale mi hanno insegnato tanto e molto di quello che racconto lo debbo a lui…

Frato

print

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “I materiali”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare…