Login
Registrati
facebook
Google+

Narrare le Infanzie

Concetta Monachello

L’autrice, nel tratteggiare un’efficace sintesi del Convegno, argomenta rispetto all’importanza di narrare le infanzie, per non perdere l’idea di infanzia portatrice di diritti affacciatasi all’orizzonte culturale soltanto un centinaio d’anni fa, per “consentirci di vedere quel che manca in quel che c’è, perché per farlo occorre spingersi al limite della vita là dove la vita è al limite” …

Maneggiare con cura. Corpi, emozioni e pratiche di cura nei servizi educativi per la prima infanzia.

Simona Baratti, Gruppo 0-6, Movimento di Cooperazione Educativa

«Alle educatrici e agli adulti, in genere, spetta dare ascolto, capire veramente, espandere la voce dei bambini. L’ascolto è un gioco di specchi e di rimandi, è impostare un rapporto che sappia di emozioni che si traducono in linguaggio, l’ascolto è negoziazione di significati: è disponibilità ad esserci con i bambini, è avere lo sguardo sottile che registra il cambiamento, è restituzione ai bambini del senso della loro efficacia, è evitare, infine, che i bambini siano “figure di silenzio”


Questo contenuto è riservato agli utenti abbonati
Log In Registrati

Il IV piano nazionale per l’infanzia

Il contributo Il IV piano nazionale per l’infanzia Mirella Castagnolitraccia il punto della situazione riguardo il lungo percorso del quarto Piano Nazionale per l’Infanzia, che intende rispondere ai bisogni e rispettare i diritti delle bambine e dei bambini , dalla qualità dei servizi socio-educativi e per la prima infanzia, del sistema scolastico, fino alle drammatiche emergenze, come quella dei “minori non accompagnati”.

I bambini tra cittadinanza e investimento

Intervista a Valerio Belotti.

Secondo i sostenitori dell’investimento sull’infanzia, aver avuto un’esperienza da piccoli in un nido d’infanzia di qualità, favorisce la costruzione di abilità spendibili nei percorsi scolastici e professionali realizzati nell’adolescenza. Posizioni forti, sostenute da studiosi autorevoli in base a particolari acquisizioni della neuroscienza, riguardanti lo sviluppo dei cosiddetti primi mille giorni di vita e da numerose evidenze empiriche...


Questo contenuto è riservato agli utenti abbonati
Log In Registrati

L’istruzione: una responsabilità pubblica

A partire dall’affermazione di Dewey: “Uno stato democratico ha come principale responsabilità l’educazione dei bambini ai valori della democrazia”, Peter Moss illustra i valori della scuola pubblica e sollecita un impegno politico dei cittadini che risponda alla responsabilità di rinnovare e rafforzare il progetto d’istruzione pubblica.


Questo contenuto è riservato agli utenti abbonati
Log In Registrati