Login
Registrati
facebook
Google+

La fragilità della storia, tra l’utopia e la realtà: la medicalizzazione della pedagogia

Antonella Panchetti, a partire da alcune riflessioni su un Convegno di studio (“Agostino Pirella: l’esperienza di Arezzo a 40 anni dalla legge 180” – Arezzo 7 – 8 giugno 2018), porta la nostra attenzione sull’attuale tendenza a medicalizzare la pedagogia e sul rischio che questo porti a una sottile forma di segregazione dei soggetti.


Questo contenuto è riservato agli utenti abbonati
Log In Registrati

Oltre il singolo approccio per aprirsi a nuove possibilità e opportunità

Oltre il singolo approccio per aprirsi a nuove possibilità e opportunità è il resoconto di un’esperienza nella quale l’apertura a differenti culture dell’infanzia e a pratiche educative altre favorisce il confronto e allarga la prospettiva degli adulti per riflettere e trovare modi innovativi di progettare e realizzare il curricolo

Voci da un viaggio senza valigie. Dalla prima comunicazione di disabilità verso una nuova progettualità di vita

di Carlo Riva e Elisa Rossoni

Seguiamo gli autori nel percorso della mostra “Maternage”, ci accompagneranno in un viaggio evocativo, denso di suggestioni, a tratti doloroso verso “Uno sguardo che riconosce la disabilità come vita possibile, esistenza, condizione. Non più con gli occhi del pietismo e della malattia ma della vita piena e dell’inclusione”.